Un binomio perfetto, politicamente scorretto, trendy, artistico e, come si dice oggi, radicale. É quello composto da Enrico Capuano e o' Zulù, ex front man dei 99 Posse al secolo Luca Persico e che domani sera, sabato, sbarcherà all'Officina Belushi per un serata da bere, gustare ed assaporare fino alla fine con uno spettacolo che da gennaio gira per l'Italia con grande successo di pubblico e di critica.
"Si tratta di un progetto che guarda alle sfide del futuro con la stessa rabbia di sempre. Doveva essere una rimpatriata tra amici - spiegano i due artisti - invece è uscito fuori il live indipendente più assurdo e coinvolgente che si sia mai visto."
Cosa fanno sul palco infatti non è mai prevedibile: si passa da momenti di sfida che ricordano i film western di Clint Eastwood, ai tormentoni immancabili della storia dei 99 Posse come "Curre curre guaglio'" e "Rigurgito antifascista" che si mischiano a improvvise ma perfettamente collaudate tarantellate di Capuano. Un grande show ironico, esagerato ed eclettico. Impegnato ed impregnato di rock, reggae, rap, dance e folk per uno spettacolo di due ore accompagnato dall'esperta Tamurriatarock, un gruppo, il migliore in circolazione nel suo genere, composto da fuori classe come Daniele Iacono (ex batterista di Jovanotti, Coolio e tante altre esperienze), Fabiano Lelli (uno dei migliori chitarristi italiani), Caludio Clementi (virtuoso del basso e firma di Patty Pravo) e Dunia Molina la perfetta lady rock che tanti hanno già ammirato a fianco della Pfm. Un sabato sera di altissimo livello insomma, durante il quale Capuano e o' Zulù presenteranno anche dei brani inediti
Corriere di Viterbo Venerdì 28 Gennaio 2011

0 commenti

Posta un commento

News su Viterbo e Provincia

Offerte di lavoro a Viterbo e Provincia