"Fondi di Magazzino". É il titolo della mostra fotografica collettiva che da domani, martedì 4, al 9 gennaio troverà spazio all'interno della Sala Almadiani. Ad organizzarla il gruppo fotografico Magazzino 120 in collaborazione con Caffeina Cultura. Dall'incontro dei molteplici modi di esprimere, interpretare e vivere la fotografia nasce la mostra fotografica "Fondi di magazzino". Un titolo ironico, quello scelto, per esprimere ciò che gli autori di Magazzino 120 in fondo hanno da raccontare. Diverse testimonianze accomunate da un unico fine: la fotografia. Saranno esposte immagini che partono da una visione dell'intimo quotidiano (ritratti, sport e visioni oniriche) e attraversano una strada che vira al futuro dei grandi progetti delle Archistar City (Berlino, Maxxi, Shanghai Expo). Un mondo fotografico da esplorare a 360 gradi. Magazzino 120 nasce nel marzo 2005 a Viterbo da un gruppo di fotoamatori, che hanno in comune la passione per la fotografia, non solo intesa come "mezzo di svago" o "utile accessorio", ma soprattutto come elemento portante per l'educazione e la comunicazione visiva. Magazzino120 è il nome tecnico del dorso porta pellicola delle macchine fotografiche professionali medio formato: metaforicamente, quindi, l'associazione è un contenitore che raccoglie le esperienze, le capacità e la creatività di più persone unite dal desiderio di "raccontare" attraverso la fotografia. L'associazione ha come obiettivo primario la promozione delle potenzialità della fotografia in quanto non solo stampa di un'immagine ma veicolo di comunicazione sociale, memoria e narrativa. Nel 2009 il circolo cura per Caffeina Cultura il concorso fotografico nazionale "Wall", tema scelto in occasione del ventennale della caduta del muro di Berlino. Una sfida per abbattere il muro medievale del provincialismo viterbese, con un'iniziativa rivolta a tutto il territorio nazionale, ma conservando il proprio epicentro a Viterbo. Sulla scia del suo successo, per Caffeina Cultura 2010 il concorso fotografico nazionale "Italia/ae tutte le declinazioni di una identità"per chiedersi cos'è l'Italia e chi sono gli italiani. L'appuntamento si rinnoverà anche nell'edizione 2011 di Caffeina Cultura. La mostra sarà aperta al pubblico dale 10,30 alle 13 e dalle 16 alle 19. Per sabato 8 gennaio, alle 17, è previsto un incontro con gli autori degli scatti. Espongono: Alessandra Spina, Alessandro Vetrugno, Alessio Buzi, Antioco Piras, Carlo Panza, Francesca D'Errico, Giuseppe Cesareo, Giuseppe Ranocchiari, Marco Terzoli, Massimo Raldoni, Ombretta Ercolani, Paola Paris, Paolo Alfieri, Roberto Laurenti, Rosanna Papalini, Ugo Cesareo, Vittorio Faggiani
Corriere di Viterbo Lunedì 3 Gennaio 2011

0 commenti

Posta un commento

News su Viterbo e Provincia

Offerte di lavoro a Viterbo e Provincia