Al "BolsenaLago MusicAmbiente Festival" è il giorno della Jazz March Band Tutto d'un fiato-Ragtime. A partire dalle 17,30 di oggi pomeriggio, in concomitanza con l'apertura dei laboratori di educazione ambientale per bambini e ragazzi a cura dell'associazione Punti di Vista,le vie di Bolsena saranno animate dalle sonorità frizzanti e coinvolgenti della Jazz March Band Tutto d'un fiato - Ragtime. La formazione orvietana, espressione jazz della Filarmonica "L. Mancinelli" di cui il sax soprano e contralto, Lamberto Ladi, è il direttore artistico, è composta da sette elementi: Michela Franciaglia, clarinetto - Luca Seccafieno, tromba - Matteo Franciaglia, sax tenore - David Achino, trombone - Alberto Casasole, basso tuba - Alessandro Graziani, drums e lo stesso Lamberto Ladi. Il loro repertorio, eseguito anche in occasione dell'ultimo Umbria Jazz Winter, è da veri amatori delle origini del jazz, frutto di una ricerca raffinata e competente sul periodo d'oro che va dagli anni ‘20 agli anni ‘40. La band partirà alle 17,30 dal Castello, dove il comitato di quartiere offrirà un ristoro, e poi attraverserà le vie del borgo di sotto per spingersi, marciando e suonando, nei viali del lungolago e concludere il concerto itinerante in viale Cadorna, con una nuova meritata pausa con degustazione, offerta dai ristoranti della via. La sera alle 21,30, tutti al concerto
"Gli albori del Jazz: dal ragtime al dixieland sino allo swing"
, che si svolgerà, con ingresso libero, presso il teatro San Francesco. Domani sul sagrato della basilica di Santa Cristina alle ore 21.30, Nello Salza si esibirà con il suo Ensemble in "Musica dal grande schermo", uno spettacolo musicale esclusivo, in cui la tromba , in veste di protagonista, ripercorre le più affascinanti ed indimenticabili colonne sonore che hanno segnato la storia del cinema, della televisione e del musical italiano, proponendo così al pubblico un repertorio unico e mai presentato in forma di concerto. Il tutto, reso ancora più interessante da aneddoti, notizie e curiosità di vita musicale vissuta, raccontati dall'artista che è stato definito dalla critica "La Tromba del cinema italiano". Domenica 31 luglio, sempre sul sagrato della basilica di Santa Cristina alle ore 21 e 30, dalla patria della musica, l'orchestra sinfonica Guido D'Arezzo, una delle formazioni orchestrali più prestigiose della Toscana, diretta dal maestro Stefano Pagliani, eseguirà La Primavera dalle Quattro Stagioni e il concerto Il Gardellino di Antonio Vivaldi, prima di cimentarsi nel capolavoro di S. Prokof'ev, Pierino e il lupo, che avrà una voce narrante d'eccezione nell'attore Luca Calvani
Corriere di Viterbo Venerdì 29 Luglio 2011

0 commenti

Posta un commento

News su Viterbo e Provincia

Offerte di lavoro a Viterbo e Provincia