"Grandi giardini italiani" contro la crisi, questo il peculiare slogan lanciato sulle pagine del Corriere della Sera da Judith Wade, ideatrice dell'omonima associazione. Il motto, per quanto particolare, è facilmente traducibile in effettualità economica: sette milioni e mezzo di turisti hanno passeggiato per i giardini italiani nel 2010, tutti (o quasi) paganti e ben disposti a separarsi da qualche euro per ammirare gli incantevoli paesaggi nostrani.
"L' anno che si appresta ad arrivare - dichiara la Wade - vedrà un circuito dedicato ai grandi giardini del Lazio. Non i più famigerati, come il parco della Landriana a Tor San Lorenzo, ma quelli delle tante ville storiche come Villa Lante a Bagnaia."

I giardini di Villa Lante, tra i più belli del centro Italia, è caratterizzato da fontane e complessi giochi d'acqua, progettati ad arte da Tommaso Chiruchi, genio dell'idraulica senese del sedicesimo secolo. L'associazione "grandi giardini italiani" ha tra i suoi obiettivi, assieme alla promozione di una parte spesso dimenticata del nostro panorama artistico, quello di facilitare la messa a reddito dei giardini visitabili di proprietà privata e pubblica. La promozione parte dal web, con il sito dell'associazione (www.grandigiardini.it) e continua sulle pagine di una guida ufficiale aggiornata annualmente, che racconta ai visitatori segreti e "dietro le quinte" dei luoghi d'interesse.

Alessandro Bruni
Corriere di Viterbo Giovedì 10 Novembre 2011

0 commenti

Posta un commento

News su Viterbo e Provincia

Offerte di lavoro a Viterbo e Provincia