Ancora un altro risultato prestigioso per l'oro verde della Tuscia, che a Bevagna, in Umbria, è salito per la prima volta sul podio della 17ª edizione del Concorso "Ercole Olivario", il più importante Premio nazionale per l'olio extravergine di oliva di qualità.
Ad aggiudicarsi l'ambito riconoscimento la Cooperativa "Colli Etruschi" di Blera, classificatasi seconda tra gli oli Dop nella sezione "fruttato leggero" con l'olio Dop Tuscia "Evo".
A decretare il verdetto dei migliori oli extravergine di oliva d'Italia della campagna 2008/2009, 16 assaggiatori provenienti da altrettante regioni a vocazione olivicola, sotto la guida esperta di Giulio Scatolini, nuovo capo panel del Concorso.
Un lavoro arduo considerando che secondo gli organizzatori quest'anno il livello qualitativo è stato più elevato che in passato, così come maggiore è stato il numero di partecipanti.
Sono stati infatti ben 313 gli oli partecipanti (167 extravergine e 146 Dop), provenienti da 17 regioni italiane, da cui sono stati selezionati gli 81 finalisti che si sono contesi i primi due posti nelle due graduatorie degli oli Dop e degli oli extravergini, a loro volta suddivisi per tipologie: fruttato leggero, fruttato medio e fruttato intenso.
"Sorrento, Roma, Bevagna: in quindici giorni il nostro olio - dichiara Ferindo Palombella, presidente della Camera di Commercio di Viterbo - si è consacrato ai vertici nazionali.
Il segno evidente che la scelta compiuta di sostenere e promuovere le due Dop, Canino e Tuscia, è stata azzeccata.
Oltre a ringraziare i produttori per aver accettato di mettersi in gioco con realtà blasonate, auspico che sempre più aziende seguano le sforzi che come Ente camerale stiamo compiendo sulla strada della qualità e della valorizzazione del prodotto."
Grande soddisfazione è stata espressa da Nicola Fazi, direttore della Società cooperativa "Colli Etruschi":
"Il riconoscimento nazionale ripaga di tante fatiche profuse in questi anni dai nostri soci insistendo sulla coltivazione monovarietale con la cultivar Caninese e sull'adesione alla Dop Tuscia.
Con questa nuova consapevolezza che ci rafforza continueremo a insistere per preservare la tipicità del prodotto, senza rinunciare all'innovazione."
La Cooperativa agricola "Colli Etruschi" è nata nel 1965 su iniziativa di un gruppo di olivicoltori di Blera con l'obiettivo di ridurre i costi di produzione, modernizzazione il procedimento di estrazione e raggiungere un alto livello qualitativo del prodotto.
Attualmente i soci sono 375 e rappresentano la stragrande maggioranza degli olivicoltori blerani. Nel territorio comunale esistono uliveti di impianto per lo più tradizionale per una estensione di circa 800 ettari (34mila piante) tra terreni collinari misti, sia calcarei che vulcanici, compresi tra la media valle del Mignone e le propaggini dei monti Cimini, situati ad una quota media di 280 metri sul livello del mare.
La varietà coltivata è al 90% Caninese. La raccolta è precoce, effettuata manualmente o con macchine agevolatrici; le olive, esenti da difetti e da tracce di fitofarmaci, vengono molite appena raccolte.
L'olio si presenta limpido, di colore verde intenso con riflessi dorati, con profumo di oliva fresca e sapore fruttato, bassissima acidità (gradi 0,2), ricco di polifenoli (antiossidanti) che favoriscono la conservazione nel tempo delle proprietà organolettiche.
Con il riconoscimento comunitario dell'olio Dop Tuscia, la Cooperativa "Colli Etruschi" ha puntato in modo deciso su questa produzione di qualità certificata arrivando in brevissimo tempo a raggiungere i massimi risultati nazionali con "Evo", prodotto con 100% di Caninese, vincitore oltre che all'Ercole Olivario 2009, la settimana scorsa al Concorso per i migliori oli extravergine d'oliva del Lazio.
La produzione della "Colli Etruschi" si completa con l'extravergine di oliva "Colli Etruschi", anch'esso in passato più volte premiato

0 commenti

Posta un commento

News su Viterbo e Provincia

Offerte di lavoro a Viterbo e Provincia