Clamorosa scoperta sugli affreschi della chiesa di Santa Maria di Foro Cassio. Ormai concluse le ricerche condotte da due studiosi, il professor Simone Piazza, storico dell'arte dell'Università Paul Valéry di Montpellier ed il professor Carlo Tedeschi, paleografo della Cà Foscari di Venezia. Ad attirare la loro attenzione è stata una monumentale crocifissione, finora inedita, databile fra XI e XII secolo e collocata sulla parete di controfacciata della chiesa di Santa Maria di Foro Cassio.
"Si tratta di un documento pittorico, in gran parte ancora leggibile e quasi interamente ricostruibile, che consente di aggiungere rilevanti informazioni utili alla conoscenza dell'edificio nel suo complesso e alla storia artistica del territorio vetrallese - precisa Tedeschi -.
Intendiamo, alla luce dei dati raccolti, proporre una rilettura delle pitture della zona absidale, fornendo nuovi dati iconografici ed epigrafici."
Il complesso architettonico di Foro Cassio, citato nel 990 d.
C. dall'arcivescovo Sigerico come una delle tappe del suo percorso da Roma a Canterbury, era tornato all'attenzione dell'opinione pubblica nel 2006 quando un gruppo di associazioni vetrallesi costituì il
"Comitato Salvaforocassio sulla via Francigena"
, promotore di una petizione popolare per il recupero dell'importante patrimonio storico di Vetralla, immediatamente supportata dall'amministrazione comunale.
Il comitato colpì nel segno ottenendo che, nel 2007, un finanziamento di un milione di euro da parte della Regione Lazio fosse deliberato al Comune di Vetralla per il restauro del monumento.
"Com'è noto, il complesso architettonico di Foro Cassio potrebbe ormai essere prossimo al collasso strutturale - sottolinea ancora Tedeschi -.
Dopo anni di denunce, grazie a finanziamenti già stanziati, potremmo essere ad un passo da un concreto intervento conservativo.
Se da tutti gli enti coinvolti (Comune, Regione Lazio e ministero per i Beni culturali, attraverso le Soprintendenze), non venisse responsabilmente compiuto un ulteriore sforzo di coordinamento, il finanziamento verrebbe perduto e con esso la possibilità di salvare uno dei più significativi monumenti della Tuscia e della via Francigena."
I risultati delle ricerche di Piazza e Tedeschi saranno resi noti il 14 aprile alle 16,30, con una conferenza che avrà luogo presso il Museo della Città e del Territorio di Vetralla, in via Porta Marchetta 2

0 commenti

Posta un commento

News su Viterbo e Provincia

Offerte di lavoro a Viterbo e Provincia