Un incontro dedicato ad una figura mitica del teatro quello di stamattina alle 11 all'Università nella Sala Carmen Maria Radulet (Aula Gradoni) per "Pirandello in scena".
Si confronteranno Paolo Fallai (giornalista del "Corriere della sera" e scrittore), Walter Manfré (regista) e Paolo Bonacelli (attore), interviene Maurizio Giammusso (critico e giornalista, docente universitario).
Mentre il 17 marzo alle 11 all'Auditorium della Facoltà di Lingue, sempre per ricordare Pirandello si potrà assistere alla "mise en espace" del celebre "L'uomo dal fiore in bocca", diretto e interpretato da Alberto di Stasio con la partecipazione di Gloria Pomardi.
Tutto questo nel contesto di un'iniziativa che si svolge a partire di oggi per
"Discipline del teatro e dello spettacolo"
e con il relativo programma del corso universitario in svolgimento, che per l'anno accademico 2008-2009 concentra la propria attenzione su Luigi Pirandello.
L'iniziativa mira a strutturare un discorso approfondito sul grande drammaturgo, fino ad arrivare alle pratiche di nuova drammaturgia contemporanea.
Fino al 14 maggio presso la facoltà di Lingue dell'Università della Tuscia si svolgeranno 10 appuntamenti: spettacoli, incontri, proiezioni che ruoteranno intorno alla figura di Pirandello, alle esperienze sceniche legate ai suoi testi, con uno sguardo alle nuove esperienze.
L'iniziativa rientra in "Sentieri d'ascolto 09" e riguarda il progetto di "Teatro in regione" che l'Associazione teatrale fra i Comuni del Lazio sviluppa per la Regione Lazio.
Gli altri appuntamenti sono per il 26 marzo presso la Sala Carmen Maria Radulet (Aula Gradoni) sul tema "Luigi Pirandello ed Eduardo de Filippo": ne parla Maurizio Giammusso; per il 31 marzo presso la Sala Carmen Maria Radulet "Da Pirandello a oggi: viaggio nella nuova drammaturgia italiana" raccontato da Attilio Scarpellini (critico e giornalista); per il 2 aprile nell'Auditorium della Facoltà di Lingue "Da Pirandello a oggi: esperienze di nuova drammaturgia": lettura concerto Giovanna d'Arco appunti di viaggio, di e con Ilaria Drago.
Il 21 aprile nell'Auditorium della Facoltà di Lingue " Da Pirandello a oggi: esperienze di nuova drammaturgia": performance "Me vojo sarvà", "Nessuno ci guarda", di e con Eleonora Danco.
Seguiranno, quindi, gli appuntamenti dedicati a Pirandello e il cinema con una introduzione che il 23 aprile nella Sala Carmen Maria Radulet farà Maurizio Giammusso.
Quindi il 30 aprile nell'Aula Gradoni la proiezione di "Ma non è una cosa seria", di Mario Camerini; il 7 maggio di "Kaos", di Paolo e Vittorio Taviani e il 14 maggio infine la proiezione di "Enrico Iv" di Marco Bellocchio

0 commenti

Posta un commento

News su Viterbo e Provincia

Offerte di lavoro a Viterbo e Provincia