DiVino Etrusco a Tarquinia

Bacco stavolta non resterà solo. In sua compagnia ci saranno un popolo antico, musica e spettacoli. A Tarquinia la festa del vino si chiama "DiVino Etrusco": da oggi a domenica in centro un percorso enogastronomico con degustazioni guidate, concerti, mostre e artigianato.
Un po' di storia.
"Siamo alla terza edizione - dice il sindaco Mauro Mazzola - di un'intuizione nata dall'Università agraria, che aveva pensato al rilancio dei nostri prodotti.
Poi ha avuto il merito di cedere l'organizzazione al Comune, continuando a collaborare. E noi abbiamo voluto continuare la strada della valorizzazione portando la festa nel centro storico."
Prodotti e artigianato artistico possono così andare a braccetto.
"La festa - aggiunge - sarà infatti abbinata al rilancio del settore. Per quanto riguarda l'enogastronomia, grazie a Carlo Zucchetti lavoriamo sulla qualità. Tarquinia sul vino ha comunque una grande tradizione: la cantina Palombi ad esempio esporta negli Usa."
Il programma si apre oggi alle 20,30 nell'area village di Tarquinia lido per una sorta di anteprima, basata sulle degustazioni di vini provenienti dalle 12 città etrusche.
Poi tre giorni cui si aggiungeranno cabaret, musica, mostre, spettacoli al via alle 20.
"Le degustazioni guidate - spiega il consigliere comunale delegato alle manifestazioni, Piero Serafini - si svolgeranno all'interno del Museo nazionale, quindi i percorsi enogastronomici nelle vie della città con i nostri prodotti: ortaggi, formaggi, vino.
Ci saranno anche mostre all'interno delle chiese e navette che dal lido portano al centro storico.""
DiVino Etrusco" si inserisce nella lista delle feste del vino:
"Catalizzarle tutte in un unico evento - conclude il segretario della Camera di commercio, Franco Rosati - è stato uno sforzo notevole.
Il turismo enologico è importante e Tarquinia è all'avanguardia."

0 commenti

Posta un commento

News su Viterbo e Provincia

Offerte di lavoro a Viterbo e Provincia